Ulteriori informazioni

 

campobelloonlie

  

campobelloonlie

 

Contatto-Indirizzo mail

  

Città di campobello

 

Ulteriori informazioni

 

 

 

VITTIMA DELL'ESPLOSIONE AL MERCATO DIVENTA MAMMA «IO E ENEA ABBIAMO DIMOSTRATO DI ESSERE DUE GUERRIERI»
Fonte: meridionews.it - 10/08/2019
Jerry Italia
Simona e Vincenzo hanno annunciato l'arrivo del piccolo. Lei era rimasta gravemente ferita dalle fiamme del 5 giugno. Quello stesso giorno, lui - carabiniere - ha ricevuto la medaglia al valore civile per avere salvato da una donna in una circostanza simile
Più forte dell’esplosione, più forte del terrore, più forte della paura di non farcela. Il cuoricino del piccolo Enea non ha mai smesso di battere forte nel pancione di mammaSimona, neanche dopo la terribile esplosione dello scorso 5 giugno, quando nel mercatino rionale di via Madonna del Rosario a Gela, lo scoppio di una bombola trasformò una normale giornata di compere in una tragedia. Oggi Enea è venuto alla luce, mettendo fine a un incubo durato quasi due mesi.

Quel mercoledì di giugno le fiamme investirono una quindicina di persone tra gestore, lavoranti e clienti di un truck di gastronomia, che vendeva polli allo spiedo. Due di loro purtroppo morirono nei giorni successivi a causa delle ferite riportate. Simona, mamma di due bimbi e una gravidanza al nono mese, era tra le vittime più gravi. Trasferita d’urgenza al centro grandi ustioni di Palermo, ci è rimasta per più di un mese sottoponendosi a diversi interventi chirurgici, con un unico pensiero a darle forza: quel bambino che teneva in grembo e che aveva già un nome: Enea. Un nome da guerriero, scritto nel destino di questo piccolino che, nonostante le mille difficoltà, è venuto al mondo sano e forte per riportare il sorriso sul volto di mamma Simona e di papà Vincenzo, carabiniere che nella sua carriera si è contraddistinto per capacità e coraggio. 

Vincenzo, infatti, il giorno dell’esplosione sarebbe dovuto andare con Simona ad Agrigento. Era la festa dell'arma e l'appuntato scelto, lucano di origine ma ormai gelese di adozione, avrebbe ricevuto la medaglia di bronzo al valore civile. Una delle più importanti onorificenze per un carabiniere. Ed è proprio la motivazione dell’onorificenza che fa sembrare questa storia come uscita dalle pagine di un romanzo. Vincenzo, che stava per perdere la propria moglie tra le fiamme del mercatino, esattamente otto anni prima aveva salvato a sua volta una donna dalla furia del fuoco, in circostanze analoghe. 
Libero dal servizio, aveva notato le fiamme uscire da un appartamento al primo piano. Non aveva esitato a tirare il freno a mano e a lanciarsi in soccorso, riuscendo a portare al sicuro un'anziana inferma. Poi era risalito, stavolta con l'ausilio dei colleghi di una pattuglia fatta giungere sul posto, e aveva soccorso il resto della famiglia, intrappolata in un altro piano della palazzina.

Dopo aver festeggiato in famiglia Simona e Vincenzo hanno voluto esternare la loro gioia attraverso un post su Facebook, sul loro profilo condiviso che è stato invaso da messaggi di auguri da centinaia di persone. A corredo un collage di foto con i piedini del piccolo Enea, terzogenito della coppia, il fiocco azzurro e il braccialetto della sala parto. «Avevo paura di tutto quello che mi circondava - scrive Simona - avevo paura, paura delle reazioni del mio corpo quindi di non farcela come le altre due volte, i dolori passati mi avevano fatto intimorire, la paura mi stava fregando, ma potevo mai arrendermi per dare alla luce proprio te? Mai».
«Abbiamo dimostrato di essere due guerrieri. Appena ti ho visto ho dimenticato tutto il resto, le mie paure si sono sciolte in un intenso abbraccio - conclude la giovane mamma, che cita la canzona La cura di Franco Battiato per dare il benvenuto al piccolo Enea - Sei un essere speciale, grazie per esserti preso cura di me». Adesso per questa famiglia il peggio è alle spalle, con il piccolo Enea tra le braccia tutto può ricominciare.
Leggi articolo originale dalla fonte

 
Commenta/condividi questo articolo sulle nostre pagine fecebook:  

campobelloonlie

  

Città di campobello

 
 

 

   

 
 
 

© StudioGF Tutti i diritti sono riservati - Richiesta di rettifica - Cosa facciamoContatti